Auguri di Buone Feste e Arrivederci al 2013 21 Dicembre 2012, 19.42 Luigi D'Onofrio
Varie
Auguri di Buone Feste e Arrivederci al 2013
Un caldo e sincero augurio di Buone Feste da Passione Atletica ai suoi soci, ai suoi sostenitori e a tutti gli appassionati di atletica. Il 2012 è stato un anno importante per l’Associazione, un anno decisamente positivo per il riconoscimento della validità delle sue idee e posizioni avuto dalla gran parte del mondo dell’atletica. Il 2012 è stato anche, indubbiamente, un anno impegnativo. E il 2013 lo sarà ancor di più, perché tante sono..................
Si rivede il tricolore 10 Dicembre 2012, 00.14 Luigi D'Onofrio
Attività agonistiche
Si rivede il tricolore
Sarà anche un caso, come qualcuno si affretterà a sostenere. Sarà anche questione di fortuna, come è probabile che in parte sia. Il fatto è che la prima uscita della nuova dirigenza FIDAL in un appuntamento internazionale coincide con un incredibile successo azzurro. Lalli e Meucci rispettivamente oro e bronzo nella gara individuale senior del Campionato Europeo di Cross, disputatosi a Budapest, e bronzo per la squadra maschile senior (Lalli,..................
Avanti ora, con "passione" 03 Dicembre 2012, 15.50 Luigi D'Onofrio
Notizie
Avanti ora, con
Alfio Giomi è il nuovo Presidente della FIDAL. Questa la decisione, chiara, netta, dei grandi elettori dell’atletica nell’Assemblea di Milano (61.421 voti a suo favore contro i 39.774 del suo antagonista). E tutta la sua squadra, al completo sia nella componente dirigenti che tecnici ed atleti, è stata eletta nel nuovo Consiglio Federale: Oscar Campari, Anna Rita Balzani, Enzo Parrinello, Sergio Baldo, Riccardo D’Elicio, Mauro Nasciuti,..................
Ultimo giro 20 Novembre 2012, 09.45 Luigi D'Onofrio
Commenti
Ultimo giro
Le conclusive Assemblee Regionali hanno confermato l’importante partecipazione di affiliati e tesserati riscontrata nella prima tornata di una settimana fa. Siamo soddisfatti di averla, in gran parte, sollecitata e determinata. C’è voglia di partecipazione. C’è voglia di rinascita. C’è voglia di riscatto: “l’atletica deve tornare al ruolo che le compete nel panorama sportivo italiano ed internazionale”, questo si sente dire e..................
Il vento del cambiamento 12 Novembre 2012, 01.27 Luigi D'Onofrio
Commenti
Il vento del cambiamento
La grande partecipazione dei tesserati e degli affiliati alla prima tornata di Assemblee Regionali dimostra, ancora una volta, la grande vitalità del nostro mondo atletico. Società sportive grandi, medie e piccole, tecnici, atleti, hanno voluto dimostrare, in questo momento di particolare difficoltà dell’atletica italiana, di voler partecipare attivamente alla determinazione del futuro del proprio sport e di non volersi sottrarre alla formale e..................
Ma chi sono i candidati alla presidenza della FIDAL? 06 Novembre 2012, 08.05 Luciano Barra
Commenti
Ma chi sono i candidati alla presidenza della FIDAL?
Non so se ce la farò ad andare all’Assemblea Regionale della FIDAL del Lazio il 10 Novembre  a rappresentare insieme a Giorgio Lo Giudice il Club Atletico Centrale, storica società fondata da Alfredo Berra,  che produsse tanti atleti e dirigenti per l’atletica Italiana e Romana. Ma se fossi lì proverei a fare delle domande per capire chi sono e come la pensano i Candidati alla Presidenza della FIDAL. Per incominciare sono andato su internet..................
Analisi atleti italiani nei primi 100 al mondo (2007-2012) 03 Novembre 2012, 08.38 Renato Canova
Attività agonistiche
Analisi atleti italiani nei primi 100 al mondo (2007-2012)
Per valutare la consistenza di una nazione dal punto di vista atletico, occorre non tanto conteggiare il numero delle medaglie vinte nelle grandi competizioni (anche se costituisce l’elemento di maggior appeal mediatico), quanto piuttosto scavare un po’ più in profondità, andando, per esempio, a vedere quanti atleti abbiano conseguito risultati tali da porli tra i primi 100 del mondo a livello stagionale. La lista completa di tali presenze, a..................
Morini sostituisce Arese 30 Ottobre 2012, 17.20 Luigi D'Onofrio
Gestione Federale
Morini sostituisce Arese
Ora è ufficiale, Arese rinuncia alla candidatura. Con una lettera indirizzata ai Consiglieri Federali e al Segretario Federale il Presidente Franco Arese ha comunicato la sua rinuncia a ricandidarsi alla presidenza della FIDAL per il terzo quadriennio, “a causa delle difficoltà personali incontrate nell’ultimo periodo, che si sposano con la coscienza delle difficoltà e complessità del compito”. La lettera, dopo le varie indiscrezioni..................
Un motivo del fallimento tecnico dell'atletica italiana 23 Ottobre 2012, 16.29 Luciano Barra
Attività agonistiche
Un motivo del fallimento tecnico dell'atletica italiana
Alcune settimane fa un giornalista amico mi ha chiamato e mi ha detto : “Arese è molto arrabbiato con te”. Nella breve pausa intercorsa ho fatto un veloce esame di coscienza e poi ho detto: “certo che ho scritto cose non simpatiche: commissariamento , non ricandidarsi ed altro del genere”.  La risposta immediata è stata “No lui è arrabbiato perché hai scritto che  Daniele Meucci ha preso 600 euro al mese, meno della tua colf, e non è..................
Quando l'ignoranza e la cattiveria si sommano 15 Ottobre 2012, 09.36 Luigi D'Onofrio
Commenti
Quando l'ignoranza e la cattiveria si sommano
Decisamente una brutta campagna elettorale quella in atto per il rinnovo delle cariche federali per il quadriennio 2013- 2016. Avevamo già denunciato, da tempo, il tentativo degli attuali dirigenti federali nazionali di alzare i toni dello scontro e, in mancanza di argomenti, avventurarsi verso gli indecenti tentativi di denigrazione e di delegittimazione degli avversari, mutuati dalla peggiore politica. Purtroppo, con l’approssimarsi della data..................
L'ignoranza può far più male della cattiveria 12 Ottobre 2012, 05.39 Luciano Barra
Commenti
L'ignoranza può far più male della cattiveria
Una popolare trasmissione telefonica, il ComuniCattivo, condotta da Igor Righetti, utilizza in apertura ed in chiusura, il distico che ho usato come titolo. Anche nell’attuale corsa alla Presidenza della FIDAL si usa molta ignoranza che spesso supera la cattiveria, che cristianamente è più sopportabile. Questo è accaduto a me, ma anche ad altri, quando per smontare la simpatia (nel mio caso) o l’appoggio elettorale (in altri casi) ad Alfio..................
Meglio l'atletica che convince o quella che non vince? 10 Ottobre 2012, 13.40 Vittorio Savino
Gestione Federale
Meglio l'atletica che convince o quella che non vince?
Il dilemma, a circa un mese e mezzo dall’Assemblea Nazionale, è di quelli fondamentali, è meglio “l’Atletica che convince”, o sarà meglio “quella che non vince ?”. La prima domanda che sorge è più che spontanea, ma chi rappresenta l’una e chi la seconda ? La risposta potrebbe essere ovvia, eppure non è così scontata, la paura è quella solita, tra l’altro sempre più forte ad ogni elezione, e se alla fine avessimo sbagliato..................
Quale sviluppo nella carriera dei nostri giovani migliori? 25 Settembre 2012, 14.55 Renato Canova
Attività agonistiche
Quale sviluppo nella carriera dei nostri giovani migliori?
I miei ripetuti interventi hanno sollevato un po’ di polvere, sia in favore di vento che controvento.  Poiché, vista la mia lontananza dall’atletica nazionale, non sono documentato in maniera profonda sui particolari, le miei esternazioni possono essere talora collegate con una visione superficiale dei problemi.  Tuttavia, l’analisi dei dati è sicuramente reale, in quanto sui numeri non è possibile mentire. Questa premessa è per spiegare..................
Franco Arese come Vujadin Boskov? 22 Settembre 2012, 08.24 Luciano Barra
Gestione Federale
Franco Arese come Vujadin Boskov?
Quante lezioni ha dato Vujadin BOSKOV!  Sembrava uno zingaro alla Helenio Herrera ma poi si è dimostrato un grande saggio dando lezioni di sport, e non ,  a non finire. Le sue frasi più celebri?  “E’ rigore quando l’arbitro fischia” oppure “Ci sono allenatori che pretendono di far mangiare ai loro giocatori prosciutto di San Daniele e formaggio Bel Paese” oppure “Squadra che vince scudetto è quella che ha fatto più punti”..................
Presentato il candidato Presidente della FIDAL Alfio Giomi 20 Settembre 2012, 22.24 Diego Cacchiarelli
Notizie
Presentato il candidato Presidente della FIDAL Alfio Giomi
Si è svolta stamattina al Wellness Town di Roma la conferenza stampa di presentazione del candidato Presidente della Fidal Alfio Giomi, che verrà contrapposto nell'Assemblea di dicembre a Franco Arese, Presidente in carica da due mandati. Sala affollata con la presenza di giornalisti delle maggiori testate sportive nazionali, di dirigenti di spicco dell'atletica italiana, di tecnici, di giudici e di atleti, tra i quali grandi campioni come Nino..................
Notizie
Conferenza Stampa di presentazione del candidato Presidente della FIDAL, Alfio Giomi
Passione Atletica ha indetto la Conferenza Stampa di presentazione del candidato Presidente della Federazione Italiana di Atletica Leggera, Prof. Alfio Giomi. Nell’occasione verranno illustrate le linee politico-sportive generali del Movimento che sostiene la candidatura ed alcuni obiettivi programmatici prioritari, con riferimenti alla squadra che verrà proposta per la gestione federale. La Conferenza Stampa si terrà Giovedì 20 settembre 2012,..................
Il ricambio è indispensabile 16 Settembre 2012, 16.50 Luigi D'Onofrio
Gestione Federale
Il ricambio è indispensabile
(Qui di seguito riportiamo, con il consenso dell’autore, un articolo/sfogo dell’amico Andrea Milardi, uomo capace, dinamico, diretto, conoscitore e appassionato dell’atletica come pochi, pubblicato sul sito della Società Sportiva “Atletica Studentesca CARIRI, all’indomani della sua partecipazione alla riunione del Consiglio Federale del 13 settembre. Milardi già in altre occasioni, ed in tempi “non sospetti”, aveva avuto modo di..................
Perchè un giovane sceglie di praticare l'atletica leggera? 14 Settembre 2012, 07.15 Renato Canova
Attività agonistiche
Perchè un giovane sceglie di praticare l'atletica leggera?
Alla fine del mio primo intervento, ho posto una domanda, la cui risposta include gli indirizzi che una Federazione di Atletica deve seguire: “Perché si sceglie di fare uno sport individuale, e in maniera specifica l’atletica leggera ?”. Diciamo intanto che il fare sport è una necessità per la maggior parte dei giovani, in qualsivoglia nazione, con qualsivoglia regime politico.  Girando il mondo per fare Corsi, seminari e clinics, siano..................
Parliamo di fatti oggettivi 12 Settembre 2012, 15.18 Renato Canova
Attività agonistiche
Parliamo di fatti oggettivi
Dopo il mio intervento pubblicato in data 8 Settembre, ho ricevuto molte telefonate da parte di dirigenti di Società e tecnici, per la maggior parte di apprezzamento, ma in taluni casi con richieste di puntualizzare le accuse di mala gestione, al fine di non fare di ogni erba un fascio. Una di queste telefonate, assai lunga e piena di informazioni, l’ho effettuata con Silvano Danzi, uno dei responsabili del mezzofondo azzurro, che si è sentito..................
Lo sport italiano a Londra 11 Settembre 2012, 11.28 Luciano Barra
Commenti
Lo sport italiano a Londra
Cari amici, scusate per il lungo silenzio ma purtroppo i Giochi di Londra sono stati bellissimi ma anche molto faticosi, per uno come me che cammina poco. Ho comunque l’obbligo di alcuni commenti conclusivi. Il caldo e la necessità di un riposo lo avevano ritardato. Fare un commento sul successo dei Giochi mi pare inutile. Lo avete visto tutti e le immagini di Sky e della RAI lo hanno esaltato. Purtroppo finite le Paraolimpiadi tutto sarà..................
Giri di pista

Il Nuovo Consiglio Federale

Presidente

Allfio Giomi

Vice Presidenti

Vincenzo Parrinello

Mauro Nasciuti

Consiglieri

Oscar Campari

Anna Rita Balzani

Sergio Baldo

Riccardo D'Elicio

Giacomo Leone

Roberto Frinolli

Alessandro Talotti

Francesco Pignata

 

La politica delle “fazioni”

A pochi mesi all'Assemblea Nazionale di fine quadriennio dovrebbe essere tutto un fermento d’idee, di discussioni, di proposte. Purtroppo, non è così. L’unico elemento di vitalità viene dal Progetto “L’atletica del futuro, impegno e passione”, presentato dal Movimento di Opposizione all’attuale gestione federale. Per il resto, silenzio totale, buio completo. Soprattutto dalle parti di Via Flaminia.

E’ stupefacente come gli attuali dirigenti federali nazionali non si curino minimamente di affrontare il problema del futuro dell’atletica italiana.

Non abbozzano progetti, non discutono dei problemi, non si accalorano sulle cose da fare, su come misurare e fermare la deriva dell’atletica italiana. Danno l'impressione, invece, soltanto di prepararsi al confronto elettorale ricorrendo alla ben nota strategia della “lotta tra fazioni”.

Insomma, in mancanza di idee, sembrano intenzionati a buttarla “in caciara”. Ciò che serve all’atletica italiana per Arese, Angelotti e Rossi parrebbe essere soltanto il decidere con chi stare. Schierarsi, pro o contro. Con loro o contro di loro, “a prescindere”. Una specie di gioco di società, già sperimentato da tanti, con le sue regole implicite: se mi giuri fedeltà ti prometto che…. , ti nomino alla guida di…. , ti do l’incarico….. , ti assegno la….. .

Sarebbe anche questa una posizione politica, ci mancherebbe, fintanto legittima. Ma decisamente deprimente,  incurante dell’atletica italiana, ai limiti della moralità sportiva.  Oltre che pericolosa, alla luce dei poteri assoluti che verrebbero assegnati al prossimo Presidente “commissioner” della Federazione, a seguito delle discutibilissime nuove norme del CONI che starebbero per essere introdotte “d’imperio” nello Statuto Federale.

Ma quanti sarebbero, oggi, ancora disposti a seguirli su questa strada?

 

Il momento delle scelte

Il punto da cui partire è: di cosa ha bisogno l’asfittica atletica italiana per invertire il suo processo d’involuzione che ha determinato l’evidente crisi di interessi e di risultati?

La risposta non è difficile: l’atletica italiana ha bisogno di riforme impegnative.

Il Presidente Arese è in possesso delle necessarie idee riformiste? E’ egli in grado di poterne garantire l’attuazione nel prossimo quadriennio?

Anche questa risposta non è difficile: no, non lo è. Inutile insistere in questa direzione.

Di più, l’esperienza Arese ha dimostrato che la soluzione mediatica del taumaturgo capace di risolvere tutti i problemi non serve. Non servono uomini soli al comando.

Servono invece tante persone competenti disposte a lavorare insieme in modo libero e critico per il bene dell’atletica. Persone, anche con significative esperienze, capaci di lavorare per capire la malattia dell’atletica e avanzare le cure necessarie.

L’atletica potrà risollevarsi se ricomincerà a chiedersi cosa fare e non chi potrà essere il suo prossimo guaritore. Se tutti si preoccuperanno soprattutto di decidere “per cosa” e non “con chi” impegnarsi.

E’ il momento delle scelte, il momento in cui per vincere tutti insieme ognuno deve avere il coraggio di rischiare di perdere.

Solo così sarà possibile avviare l’impegnativo processo delle riforme necessarie e della individuazione di una nuova classe dirigente, entrambi indispensabili per il futuro dell’atletica.

 

Il crepuscolo

Le modeste e ondivaghe proposte programmatiche, le decisioni incongruenti e pseudo-autoritarie, la distanza dal territorio e l’incuranza delle sue istanze e aspettative, erodono giorno dopo giorno la fiducia che il mondo dell’atletica aveva riposto nella presidenza Arese e nella sua gestione dell’atletica italiana.

Il crescente disagio degli associati e tesserati, la constatazione della pochezza di idee e l’assoluta mancanza di fatti seri e concreti, i continui fallimenti gestionali, fanno maturare in tanti il processo di disaffezione e di allontanamento dagli attuali vertici federali ai quali ci si comincia a rendere conto era stato dato, in buona fede, tanto, forse troppo, credito.

Restano da superare le residue paure di alcuni che le “contiguità” di cui Arese ancora forse gode lo rendano difficilmente amovibile, qualsiasi cosa si faccia.

Ma saranno presto fugate dalla crescente insoddisfazione per il costante declino dell’atletica e rimpiazzate dalla speranza di cambiamento, dal coraggio dell’innovazione. Dalla forza delle idee e dalla credibilità di altre persone.

 

La sindrome del dissenso

L’idea della costituzione di Passione Atletica circola da qualche tempo nel mondo dell’atletica e raccoglie ovunque approvazione e consensi.

Ma non da parte di alcuni interpreti del pensiero unico (ma quale?) dell’attuale gestione federale, subito protagonisti di discutibili reazioni.

Rimbrotti, rimproveri, scomuniche agli ambiziosi, ai vanitosi. La caccia al risentito. Accuse di sabotaggio e di intelligenza con il nemico.

Infantili dimostrazioni di fastidio al rifiuto dell'uniformità, di insopportazione per qualsiasi accenno di dissenso.

Ma chi oggi vuole discutere di atletica in Italia, cosa purtroppo un po' in disuso, può essere considerato un nemico? Nemico di chi poi, dell’atletica?

E chi sarebbero allora i suoi amici?


 
Calendario
loader
Prossime Manifestazioni